...
Trucchi di vita, consigli utili, raccomandazioni. Articoli per uomo e donna. Scriviamo di tecnologia e di tutto ciò che è interessante.

Anche Spotify ha le orecchie. Come un servizio di streaming ti sta spiando e come fermarlo

1

Sia che tu stia ascoltando una playlist adatta all’allenamento o una playlist all’ora di cena, Spotify personalizzerà gli annunci in base alla tua attività attuale o persino al tuo umore.

Facebook e Google sono alcuni dei maggiori fornitori di pubblicità online. Tuttavia, Spotify ha l’ambizione di competere con loro. Inoltre, l’azienda dispone di tutti i dati necessari per questo.

Ogni giorno, centinaia di milioni di persone usano Spotify sui propri telefoni, tablet e desktop, rimanendo spesso connessi mentre si spostano da un dispositivo all’altro. Con ogni nuova traccia che ascoltano, playlist aggiunta o podcast aggiunto, condividono sempre più informazioni personali con Spotify. Riceve oltre 100 milioni di punti dati ogni giorno .

Ognuno di loro fornisce a Spotify qualche informazione in più sulla nostra vita personale. "Spotify ha una quantità inimmaginabile di dati su di noi ", afferma Bryan Barletta, creatore di Sounds Profitable, una newsletter AdTech e un podcast di tendenza. “Abbiamo sempre saputo che ciò che ascolti, come lo ascolti e le azioni che intraprendi in quel momento sono momenti molto intimi per ogni utente. Le informazioni sulla tua attività ti aiutano a indirizzare gli annunci in modo appropriato quando usi Spotify."

Spotify comprende il valore dei dati in suo possesso e li utilizza per commercializzare i propri servizi pubblicitari. "I dati sulle attività in tempo reale che riceviamo su di te non riguardano solo dati demografici e ID dispositivo: l’azienda cerca anche di catturare stati d’animo, gusti, preferenze e comportamenti abituali degli utenti in determinate situazioni ", afferma la campagna pubblicitaria di Spotify. Dei 365 milioni di utenti mensili del programma, 165 acquistano un abbonamento per non ascoltare la pubblicità. I restanti 200 milioni semplicemente lo sopportano. Quindi, è il momento di scoprire quanto Spotify sa veramente di te e come puoi limitare la raccolta dei tuoi dati personali.

Quello che Spotify sa di te

Tutte le attività che svolgi sul web player di Spotify, sulle app desktop e mobili vengono monitorate dall’azienda. Ogni pressione del pulsante, l’attivazione di un brano, l’ascolto di una playlist, la ricerca, il rimescolamento dei brani e la pausa vengono registrati nel sistema. Spotify sa che hai riprodotto una canzone intitolata " Truth Hurts " alle 23:03 e l’hai ascoltata per un minuto. Successivamente, hai deciso di cercare " break up " e hai aperto una playlist chiamata " ANGRY BREAKUP PLAYLIST ", che hai ascoltato per 4 ore e 52 minuti senza sosta.

Questi dati comportamentali possono essere facilmente ottenuti dall’azienda, il che è molto rivelatore. Nel 2015, quando Spotify aveva solo 15 milioni di abbonati paganti, un dirigente dell’azienda ha affermato che stavano raccogliendo " un’enorme quantità di dati su ciò che le persone ascoltano e dove e in quali circostanze accade". Questo dà all’azienda un’idea di cosa stanno facendo i loro utenti in un dato momento.

La musica che ascolti riflette come ti senti, con chi sei e cosa fai. Per trarre vantaggio da questo, Spotify ha investito molto nella scienza dei dati e ha persino utilizzato le abitudini delle persone per fare pubblicità in modo più efficace. Ad esempio, potresti sentire il seguente annuncio: "Gentile utente che vive nel quartiere dei teatri e ha ascoltato la colonna sonora di Hamilton 5376 volte, ti piacerebbe andare al suo concerto?".

Questo tipo di personalizzazione degli annunci può essere vantaggioso per le aziende che desiderano attirare l’attenzione delle persone sul loro prodotto. In base al tuo comportamento, Spotify fa alcune "inferenze" su di te che riflettono i tuoi interessi e le tue preferenze. "La cosa interessante è che i dati degli utenti a pagamento che non ascoltano i podcast e potrebbero non ascoltare mai gli annunci su Spotify guidano questo meccanismo logico", afferma Barletta. "Sono il gruppo di controllo".

Tuttavia, questi non sono gli unici dati raccolti da Spotify. Se vuoi davvero capire cosa sa di te l’azienda, devi leggere la loro informativa sulla privacy. Vale la pena dire che questo documento non è affatto piccolo. "Penso che dovrebbero usare un linguaggio più conciso e un linguaggio più conciso", afferma Pat Walshe, consulente per la protezione dei dati e la privacy. In precedenza, è stato coinvolto nell’analisi di come Spotify gestisce i dati utente disponibili. "Possono sicuramente essere più concisi e mettere tutto in un linguaggio meno complicato."

In generale, il resto dei dati che Spotify ha su di te sono informazioni che fornisci all’azienda quando crei un account. Pertanto, il nome utente, l’indirizzo e-mail, il numero di telefono, la data di nascita, il sesso, l’indirizzo effettivo e il paese di residenza diventano disponibili per lei. Se scegli di sottoscrivere un abbonamento a pagamento, fornirai a Spotify anche i dati della tua carta di credito. La politica sulla privacy dell’azienda afferma che potrebbe raccogliere informazioni su cookie, indirizzo IP, tipo di dispositivo che stai utilizzando, browser, sistema operativo e alcuni altri gadget connessi alla tua rete Wi-Fi.

Spotify può anche raccogliere "dati dai sensori che sono responsabili dei movimenti dell’utente e dell’orientamento dello schermo del tuo smartphone", ad es. ricevere informazioni dall’accelerometro o dal giroscopio. Se utilizzi il controllo vocale da Spotify, il programma sarà in grado di registrare i tuoi comandi.

Inoltre, Spotify riceve ulteriori informazioni su di te da altre società e servizi. Ad esempio, se accedi con il tuo account Facebook, il programma "importerà i tuoi dati" da lì, incluso il tuo ID utente. Altri "partner di manutenzione" forniscono a Spotify informazioni che includono gli indirizzi IP visualizzati su una mappa in modo che l’azienda possa capire in quale città e paese vivi.

Pubblicità su Spotify

I dati raccolti da Spotify non sono rari: altre app e servizi che utilizzi a volte ottengono informazioni ancora più personali su di te. Tuttavia, Barletta ritiene che il vantaggio di Spotify sia che l’azienda si sente più vicina alla tua vita personale rispetto a Facebook o altri social network perché utilizza algoritmi diversi. "Non puoi scaricare nulla, non puoi parlare con nessuno", dice. “Non condividi foto, video, non mandi messaggi. Ma nonostante ciò, Spotify sa ancora cosa pensi e come ti senti oggi".

I dati comportamentali sono ciò che aiuta Spotify a fare passi da gigante nella personalizzazione degli annunci. L’informativa sulla privacy dell’app afferma che può utilizzare le informazioni che riceve per personalizzare l’app, risolvere problemi, sviluppare nuove funzionalità, commercializzare e pubblicizzare e risolvere problemi legali. Molte delle funzionalità di personalizzazione sono correlate a sistemi responsabili della raccomandazione di nuovi brani e playlist.

Vale la pena notare che l’attività pubblicitaria di Spotify è più legata al suo crescente impero di podcast. La politica sulla privacy dell’azienda dice che lavora con "partner pubblicitari" per condividere dati e determinare i tuoi "interessi o preferenze". "Potremmo ottenere determinati dati su di te, come cookie, ID del dispositivo mobile o indirizzo e-mail, e dedurre i tuoi interessi e le tue preferenze attraverso le informazioni dei nostri inserzionisti e partner pubblicitari, che ci consentono di servire e misurare le prestazioni di annunci più pertinenti. ". Più un annuncio è pertinente, più è probabile che generi valore.

Spotify è la prova del fatto che gli annunci possono indirizzare il tuo umore e ciò che stai facendo in un determinato momento. Ti piace la musica da ballo? Ti verranno mostrati annunci pertinenti. Tuttavia, se ti piacciono le canzoni popolari, le pubblicità saranno probabilmente diverse. Ascolti una playlist chiamata " Romance " venerdì sera? Gli annunci saranno molto diversi da quelli che ascolterai la domenica mattina durante la riproduzione della playlist On the Road.

Spotify vende annunci in base a ciò che fai: si chiama pubblicità contestuale in tempo reale. L’azienda fa un esempio di 10 diverse situazioni in cui ci si può trovare: vacanza, cena, gioco, festa, viaggio, cucina, concentrazione, ferie, studio o formazione. Spotify offre anche suggerimenti su come promuovere annunci millenari in questi contesti. Tutto questo va ad aggiungersi ad altre comuni categorie di pubblicità mirate ai genitori; coloro che sono interessati a un’alimentazione sana e al fitness; è un utente Android, ecc.

Come impedire a Spotify di seguirti

Esistono diversi modi per limitare l’uso e la raccolta dei tuoi dati da parte di Spotify, ma non ce ne sono molti. "Ci sono alcune cose a cui penso che potrebbero pensare molto meglio", dice Walshe. Ha detto che dovrebbe esserci maggiore trasparenza su come Spotify utilizza i dati degli utenti. Inoltre, è necessario fornire maggiori informazioni su come le persone possono utilizzare l’app privatamente. Ciò può includere l’ aggiunta di specifici controlli sulla privacy da Spotify quando gli utenti sono in grado di visualizzare le impostazioni selezionate.

Ma cosa si può fare adesso? Dovresti prestare attenzione alla funzione " Modalità privata ": si tratta di ascoltare musica in modo anonimo. Per impostazione predefinita, la tua cronologia di riproduzione di Spotify può essere vista dalle persone che ti seguono. Un modo per ascoltare le tracce in privato è utilizzare l’opzione "Modalità privata", ma devi attivarla ogni volta che apri il programma. Per abilitare questa funzione sul tuo telefono o tablet, vai alle impostazioni dell’app, apri la sezione " Privacy " e attivala. Su un PC, questo è un po’ più semplice: puoi fare clic sulla freccia giù nell’angolo in alto a destra del programma e selezionare l’ opzione Modalità privata.

Sebbene questa modalità impedisca alle persone che ti seguono di seguire ciò che stai ascoltando, non impedirà a Spotify di registrare queste informazioni. La società afferma che ciò che ascolti in privato "potrebbe non influire" sui consigli musicali che il programma ti offre.

L’app desktop Spotify ha un’impostazione principale relativa alla privacy, sebbene sia nascosta dietro una serie di menu diversi. Fai clic sul tuo nome utente nell’angolo in alto a destra del programma, vai alle impostazioni, scorri verso il basso la pagina per accedere alle opzioni avanzate. Qui sarai in grado di bloccare l’invio di tutti i cookie in questa app desktop Spotify. Inoltre, nelle impostazioni avanzate, puoi scegliere se pubblicare nuove playlist, condividere la tua attività su Spotify e ricevere notifiche istantanee. Le singole playlist possono anche essere nascoste andando su di esse e utilizzando l’opzione corrispondente.

La maggior parte delle opzioni sulla privacy di Spotify è accessibile online tramite la pagina del tuo account. Qui puoi disattivare la pubblicità mirata. Vai alle impostazioni del tuo account in " Privacy ", quindi modifica le impostazioni per mostrare annunci personalizzati. "Se disattivi gli annunci mirati, ti mostreremo comunque annunci basati sulle tue informazioni di accesso a Spotify e sul tuo utilizzo in tempo reale del programma, ma saranno meno personalizzati per te", spiega la società. Vale la pena notare che il numero di annunci non diminuirà.

Mentre guardi le tue impostazioni sulla privacy, dovresti anche disabilitare l’importazione di dati da Facebook: questo impedirà a Spotify di utilizzare qualsiasi informazione su di te diversa dalle informazioni di registrazione ottenute da questo social network. Puoi anche scaricare i dati delle tue attività da questa pagina, inclusi i registri delle ricerche, le playlist musicali, la cronologia dello streaming, i comandi vocali che hai inviato e qualsiasi cosa che Spotify ritenga ti interessi in generale.

Nelle impostazioni web di Spotify, puoi anche visualizzare quali app hanno accesso al tuo account e disabilitare quelle che non ti servono più. Ad esempio, potrebbe essere necessario disattivare un vecchio altoparlante Alexa utilizzato in precedenza per riprodurre musica o lo strumento AdGenerator.

Un altro aspetto da considerare se stai ascoltando Spotify su Internet è l’ utilizzo di un browser per la privacy, che limiterà la raccolta di cookie di terze parti. Inutile dire che molte aziende condividono i tuoi dati con Spotify in questo modo. Su iOS, puoi impedire a Spotify e a tutte le altre app di tracciare la tua attività sullo smartphone modificando le impostazioni di trasparenza del monitoraggio dell’app. Sfortunatamente, non è possibile utilizzare Spotify senza fornire le tue informazioni personali. "Per eliminare completamente le informazioni su di te, devi chiudere il tuo account", dicono le impostazioni del programma.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More