Trucchi di vita, consigli utili, raccomandazioni. Articoli per uomo e donna. Scriviamo di tecnologia e di tutto ciò che è interessante.

Come comunicavano i nostri bisnonni: il telefono più antico

0

È molto comodo vivere adesso, nel 21 ° secolo, quando puoi in qualsiasi momento contattare non solo con una persona in qualsiasi parte della città, puoi trovare un interlocutore in qualsiasi parte del mondo. E tutto questo – con l’aiuto del telefono! Ma i modelli moderni non sono affatto come i primi, erano davvero dei dinosauri nel mondo della tecnologia. Soprattutto il telefono più vecchio.

Qual è stato il primo telefono

Il luogo di nascita del primo telefono al mondo è Boston. Qui, nel 1875, attraverso gli esperimenti più complessi, Alexander Bell e Thomas Watson arrivarono alla sua creazione. Presero le membrane che controllavano gli elettromagneti e le collegarono in modo tale che riuscissero a comunicare attraverso di esse.

Tuttavia, anche prima, si è tentato di trovare un modo di comunicare a distanza. Ad esempio, ancor prima che fosse inventato il primo telefono al mondo, il francese Claude Chappe propose la creazione di speciali torri di segnalazione per trasmettere messaggi su lunghe distanze. Le assi dovevano essere fissate su di esse, sarebbero state date alle fiamme di notte e una persona appositamente addestrata su ciascuna torre avrebbe spostato le assi nello stesso modo in cui si trovavano su quella precedente.

Per quanto riguarda le invenzioni più avanzate, la pagina americana è chiamata il fondatore dell’idea. Fu lui a decidere che l’elettricità poteva trasmettere il suono, e Bell e Watson ricordarono la sua idea.

Come comunicavano i nostri bisnonni: il telefono più antico

Telefono senza fili: storia

Il cellulare più vecchio è stato visto nel 1973. Ma era solo un prototipo di questo dispositivo. Pesava più di un chilogrammo. Si ritiene che l’inventore di Motorola Martin Cooper abbia chiamato i concorrenti di un’altra azienda. Il cellulare non aveva un display, così come funzioni come una calcolatrice o un orologio. Inoltre, in modalità conversazione, ha lavorato meno di un’ora.

Il telefono più vecchio, chiamato "DynaTac", aveva un’antenna e non era particolarmente attraente. Non si adattava alla mano e non era molto trasportabile. Tuttavia, sei anni dopo, è apparso un vero dispositivo mobile chiamato "MicroTac".

Un telefono cellulare completamente digitale uscì nel 1992, era Motorola International. Allo stesso tempo, i concorrenti dell’azienda, Nokia, hanno rilasciato il modello 1011, che per la prima volta supportava lo standard GSM ed è stato prodotto in serie.

Come comunicavano i nostri bisnonni: il telefono più antico

Evoluzione

Per quanto riguarda i telefoni più avanzati – "clamshell" e smartphone – sono nati anche più tardi. Nel 1996, Motorola ha rilasciato il clamshell più elegante, che aveva solo un altoparlante e un’antenna.

Nokia 8110 è uscito con un display, è stato glorificato dal film "The Matrix". La tastiera era ricoperta da un coperchio di plastica, sul bordo inferiore del quale era presente un microfono.

Lo smartphone più vecchio è il Nokia 9000 Communicator. Sembrava un astuccio. Vero, dotato di uno schermo a colori e una tastiera. Aveva un processore Intel 386 integrato ed era il 1997. L’anno successivo uscì il Nokia 9110i, molto più leggero.

Quindi, sfoggiando iPhone o semplicemente smartphone intelligenti oggi, a volte è utile ricordare i loro antenati, che, sebbene non fossero così funzionali, un tempo erano considerati una scoperta tecnica. A proposito, anche il loro costo rispetto ai prezzi di quel tempo era favoloso e le persone ricche e influenti potevano permettersi i primi telefoni cellulari.