...
Trucchi di vita, consigli utili, raccomandazioni. Articoli per uomo e donna. Scriviamo di tecnologia e di tutto ciò che è interessante.

Impostazioni di privacy e sicurezza di Android 11 che devi conoscere

0

Molti aggiornamenti del sistema operativo mobile di Google sono nascosti, ma possono aiutarti a controllare le autorizzazioni delle app e proteggere i tuoi dati.

Sei fortunato se sei nel primo gruppo di destinatari di Android 11 ed è già installato e funzionante sul tuo telefono, altrimenti sarai presto in grado di installarlo sul tuo telefono.

Come con la maggior parte dei principali aggiornamenti di Android, le funzionalità di sicurezza e privacy hanno ricevuto molta attenzione e ora ci sono strumenti e opzioni più integrati per proteggere te e il tuo smartphone da ficcanaso e hacker che cercano di rubare i tuoi dati. Diamo un’occhiata più da vicino a queste caratteristiche.

Permessi una tantum

Probabilmente conosci il processo di concessione delle autorizzazioni dell’app a parti del tuo telefono come il microfono e la fotocamera, ma Android 11 ha una nuova impostazione di cui essere a conoscenza: Autorizzazione una tantum, il che significa che l’app può utilizzare la tua fotocamera (microfono o posizione), ma dovrà richiedere nuovamente le autorizzazioni la prossima volta che avrà bisogno dell’accesso.

È perfetto per le app di cui non ti fidi completamente o che non usi molto spesso – è meno adatto per le app che usi sempre (consentire a Instagram di accedere alla tua fotocamera ogni volta che vuoi scattare una foto non sarebbe molto conveniente).

Impostazioni di privacy e sicurezza di Android 11 che devi conoscere

Le autorizzazioni verranno reimpostate per le app che non utilizzi. Immagine: DAVID NIELD

Una nuova opzione appare nelle autorizzazioni chiave – fotocamera, microfono, posizione – quando le app ne hanno bisogno, quindi scegli con saggezza. C’è un’altra funzionalità nuova e correlata in Android 11 che è meno ovvia: se non utilizzi un’app per alcuni mesi, tutte le sue autorizzazioni precedenti verranno ripristinate e sarà necessario richiederle nuovamente.

Archiviazione limitata

Non molto interessante dal punto di vista dell’utente finale, ma importante per la sicurezza nascosta di Android 11, lo spazio di archiviazione limitato significa che le app hanno accesso ai propri archivi dati e non sempre accedono agli archivi di altre app, il che in teoria dovrebbe mantenere le tue informazioni sensibili più sicure.

Questo è un cambiamento alquanto controverso: le app potrebbero aver bisogno di ottenere dati da altre app o servizi per una serie di motivi, ad esempio un’app di modifica delle immagini potrebbe dover accedere alla tua galleria fotografica, ad esempio. Lo spazio di archiviazione limitato non lo rende impossibile, ma gli sviluppatori devono superare più ostacoli e rispettare le regole di Android per realizzarlo.

Il tuo dispositivo diventerà automaticamente più sicuro perché le app avranno limiti più restrittivi. Se vedi app che inviano richieste di autorizzazione per le cartelle di archiviazione sul tuo dispositivo, ricontrolla semplicemente cosa stanno chiedendo prima di decidere se consentire o bloccare.

Accesso alla posizione in background

Android 11 ha un’altra funzionalità relativa alle autorizzazioni che vale la pena menzionare e cioè l’accesso alla posizione in background: le app possono tracciare la tua posizione in background. Quando un’app chiede per la prima volta l’autorizzazione per tracciare la posizione, l’opzione per attivarla in modo permanente (anche se l’app non è in esecuzione) non è disponibile: per farlo, è necessario visitare una pagina specifica dell’app nelle impostazioni di Android.

In teoria, i passaggi aggiuntivi dovrebbero farci pensare due volte prima di concedere l’accesso alla posizione in background a un’app, piuttosto che fare clic automaticamente per concedere l’autorizzazione per abitudine.

Archiviazione sicura delle credenziali

Android 11 introduce strumenti dedicati per gestire in modo sicuro le identità sul tuo telefono – pensa ad esempio agli e-ID o alle patenti di guida – il tuo telefono è già diventato di fatto un "badge identificativo".

Niente di tutto questo è completamente funzionante in questo momento, ma ci sono tali strumenti all’interno di Android 11 nel caso in cui gli sviluppatori desiderino utilizzarli e Google li incoraggia a farlo. Potrebbe non essere disponibile per qualche tempo in alcune regioni e su alcuni dispositivi Android 11, ma è solo temporaneo.

Un aspetto importante della nuova funzionalità è che le tue credenziali verranno archiviate offline, quindi non saranno condivise online e sarà molto difficile scaricarle dal tuo telefono se cadono nelle mani sbagliate. Resta sintonizzato per ulteriori informazioni su questa funzione nei futuri aggiornamenti di Android.

Biometria e crittografia

Due aggiornamenti di sicurezza minori per Android 11 che vale la pena menzionare sono dedicati alla biometria e alla crittografia. Il supporto biometrico in Android 11 – impronta digitale e sblocco facciale – è stato esteso a una gamma più ampia di dispositivi, afferma Google, con più livelli di autorizzazione (quindi lo sblocco facciale, che utilizza una tecnologia di riconoscimento facciale meno affidabile, non può essere utilizzato per effettuare pagamenti mobili, Per esempio).

Quando si tratta di crittografia, i dispositivi Android sono già crittografati per impostazione predefinita, quindi senza il PIN è quasi impossibile scaricare i dati sul telefono. Ma in Android 11, la crittografia viene applicata subito dopo l’aggiornamento, anche prima di accedere nuovamente. Questo è un piccolo cambiamento, ma chiude un’altra scappatoia che potrebbe essere utilizzata per accedere alle tue informazioni personali.

Altri aggiornamenti su Google Play Store

Android 11 si basa su un’iniziativa esistente chiamata Project Mainline, che essenzialmente spinge gli aggiornamenti di sicurezza chiave attraverso il Play Store, il che significa che non devi aspettare che Samsung, Sony o qualsiasi altra compagnia telefonica rilasci una nuova versione di Android per rendere il tuo telefono sicuro.

Impostazioni di privacy e sicurezza di Android 11 che devi conoscere

Ulteriori aggiornamenti di sicurezza arriveranno attraverso il Google Play Store. Immagine: DAVID NIELD

Gli aggiornamenti di base di Android verranno comunque rilasciati una volta all’anno come al solito con nuove funzionalità e opzioni, ma Project Mainline significa che Google può rispondere più rapidamente alle minacce alla sicurezza di Android e fornire una soluzione per qualsiasi telefono con accesso al Play Store il più rapidamente possibile. .

Questo articolo è una traduzione manuale del materiale della rivista Wired.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More