...
Trucchi di vita, consigli utili, raccomandazioni. Articoli per uomo e donna. Scriviamo di tecnologia e di tutto ciò che è interessante.

“Etichette per la privacy” abilitate da Apple: quali dati le app raccolgono su di te

5

Non è del tutto chiaro quanto saranno efficaci questi avvertimenti, ma il tentativo in sé è promettente.

Le app per Mac e iOS dell’AppStore ora mostreranno le etichette obbligatorie in cui forniscono un riepilogo della loro politica sulla privacy. Questa è una sorta di "informazione sugli integratori alimentari", solo per applicazioni. Pertanto, Apple mostra chiaramente a quali dati avrà accesso l’applicazione, nonché cosa farà successivamente con questi dati.

L’idea stessa di sviluppare la privacy e le etichette che avvertono della sua violazione non è nuova. All’inizio degli anni 2010, i ricercatori accademici avevano già sviluppato prototipi di etichette per la privacy per app mobili. Ancor prima, paesi come Finlandia, Singapore e Regno Unito hanno iniziato a promuovere etichette dedicate alla sicurezza dei dispositivi IoT. Ma Apple sembra essere il primo gigante tecnologico a utilizzare e promuovere questa tattica su larga scala.

"L’approccio di Apple sembra promettente, ma non è chiaro quanti test utente siano stati fatti per questo", afferma Lorrie Cranor, direttore del CyLab Privacy and Security Lab di Carnegie Mellon. "Man mano che lo scenario si evolve con applicazioni reali e utenti reali, sarà interessante vedere cosa funziona e cosa no: se gli sviluppatori capiscono come fornire correttamente le informazioni, se stanno davvero dicendo la verità e se gli utenti capiscono cosa questo significa – tutte queste domande rimangono aperte."

L’etichetta ha tre categorie: dati utilizzati per il tracciamento, dati associati a te e dati non associati a te, con caselle di controllo per ogni dettaglio di ciò che l’app ha sotto il cofano. L’etichetta può indicare che l’app vuole raccogliere la tua posizione, i servizi finanziari o i contatti e li collega a un account o identificatori validi, come l’ID del tuo dispositivo.

L’etichetta sulla privacy può andare oltre e farti sapere che l’app sta condividendo i tuoi dati con terze parti, come le aziende che ti seguiranno attraverso i loro siti Web e servizi.

"Etichette per la privacy" abilitate da Apple: quali dati le app raccolgono su di te

Molte applicazioni hanno già inviato informazioni su come funzionano e riceveranno la loro Privacy Label da un giorno all’altro, ma diventeranno onnipresenti solo dopo un po’. È necessario fornire informazioni sulla privacy quando uno sviluppatore invia una nuova app o un aggiornamento ad Apple per la revisione e molte app hanno cicli di aggiornamento poco frequenti. Tuttavia, Apple afferma che alcuni sviluppatori hanno comunque aggiunto le informazioni, forse per evitare di nascondere qualcosa.

Ma nelle realtà odierne è difficile trovare un’applicazione che non tenga traccia e non identifichi gli utenti. Poiché la fornitura di dati per le scorciatoie è ora obbligatoria negli app store iOS e macOS, spetta allo sviluppatore fornire informazioni fattuali e aggiornarle nel tempo.

"Sei responsabile dell’accuratezza e della tempestività delle tue risposte", afferma la guida per gli sviluppatori di Apple.

Nel corso degli anni, gli app store come Google Play e App Store hanno costantemente represso le app dannose che non superano questi processi di controllo e verifica. Data la natura regolare di questo fenomeno, sembra che occasionalmente emergano anche dichiarazioni sulla privacy fuorvianti, almeno fino a quando i ricercatori o gli utenti interessati non scoprono e segnalano incongruenze.

Pardis Emami-Nayini, un ricercatore sulla privacy presso l’Università di Washington che ha lavorato con Cranor e altri per sviluppare etichette di sicurezza per l’Internet delle cose, osserva che le false informazioni non sono l’unico ostacolo. Alcuni sviluppatori potrebbero non comprendere appieno i requisiti per fornire informazioni o potrebbero non avere una comprensione completa del modo in cui la loro applicazione raccoglie e gestisce i dati. Potrebbe sembrare ovvio, ma in realtà gli sviluppatori spesso creano ciò che viene loro detto senza dare una direzione che rifletta in modo specifico il flusso di informazioni.

Ad esempio, è ovvio che le applicazioni spesso includono codice open source preesistente che può contenere meccanismi di tracciamento o raccolta dati di cui gli sviluppatori non sono pienamente consapevoli. Il processo di condivisione della privacy di Apple può essere una buona opportunità per gli sviluppatori per assicurarsi di capire effettivamente cosa sta succedendo all’interno del loro software. Ma è altrettanto facile immaginare come alcuni sviluppatori non siano interessati e perdano dettagli importanti.

Esistono anche alcuni tipi di raccolta di dati che vengono "divulgati facoltativamente" perché i dati non vengono utilizzati per scopi di tracciamento o vengono raccolti raramente. Il tipo ha lo scopo di semplificare le cose, poiché ci sono situazioni favorevoli in cui un’applicazione raccoglie, ad esempio, un ping di posizione una tantum, ma non lo passa da nessuna parte e offre agli utenti una chiara opzione di disattivazione. Il problema, tuttavia, è che la categoria "divulgazione facoltativa" sembra un campo incolto per scappatoie e soluzioni alternative.

"Se soddisfi tutti i criteri, non devi divulgare determinate informazioni che raccogli, il che non sembra una buona idea", afferma Emami-Nayini. “Gli sviluppatori di applicazioni devono solo dire: “Rispettiamo questi parametri".

Emami-Naeni elogia Apple per aver compiuto un passo così grande verso la normalizzazione della presentazione delle informazioni in modo intuitivo, eliminando la necessità per loro di apprendere una politica sulla privacy complessa e opaca. Ma sottolinea di essere anche preoccupata per come Apple controllerà l’accuratezza delle informazioni sulle etichette.

Come per i dati sugli additivi alimentari, molti utenti semplicemente li ignorano o controllano solo l’unico criterio a cui tengono. Ma per le persone che effettivamente studiano e usano le Etichette, le informazioni devono dipingere un quadro accurato per essere utili.

Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici sui social network!

Secondo Wired.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More