...
Trucchi di vita, consigli utili, raccomandazioni. Articoli per uomo e donna. Scriviamo di tecnologia e di tutto ciò che è interessante.

Come viene caricata un’auto Tesla?

3

Ricaricare un apparecchio elettrico dotato di batteria è facile: basta collegarlo a un caricabatterie adatto. La ricarica di un’auto Tesla è associata ad alcune sfumature, il motivo risiede nelle caratteristiche del design. La batteria per un’auto Tesla è un dispositivo high-tech, il cui principio di funzionamento e il cui circuito elettrico è tenuto nella massima riservatezza da Panasonic. I parametri tecnici delle auto Tesla sono così eccezionali in gran parte grazie a questa unità strutturale.

Un po ‘sul dispositivo batteria Tesla

La batteria più "avanzata" è considerata il modello Tesla S, il fiore all’occhiello dell’azienda. È una scatola spessa 15 cm, montata sotto il fondo dell’auto. Grazie al peso di assemblaggio di 540 kg, è stato possibile abbassare il baricentro, che conferisce all’auto stabilità e buona maneggevolezza.

Come viene caricata un'auto Tesla?

La base della batteria sono batterie cilindriche AA (come le tradizionali batterie "a dito"). La batteria è divisa in 16 scomparti, ciascuno dei quali, a sua volta, è composto da 6 blocchi. Gli scomparti sono collegati in parallelo, il che garantisce il funzionamento continuo della batteria anche in caso di guasto di uno o più scomparti. La capacità della batteria di un’auto Tesla di 85 kWh è sufficiente per coprire una distanza fino a 400 km senza ricaricare. Finora, questo record non è stato battuto da nessun altro veicolo elettrico.

Come caricare un’auto Tesla?

Tutti i modelli di auto Tesla richiedono l’uso di un adattatore speciale: il semplice collegamento della batteria a una presa di corrente non funzionerà. In teoria, per caricare una batteria da 85 kWh, devono essere forniti 85 kW di potenza per un’ora. In pratica, la velocità di ricarica della batteria non è sempre uniforme e sono possibili perdite di potenza erogata.

Guarda un video su come ricaricare un’auto Tesla.

La rete elettrica utilizza corrente alternata, mentre la batteria utilizza corrente continua. Per "raddrizzare" è necessaria una memoria speciale, ad esempio come nella situazione con un telefono cellulare. Tale "raddrizzatore" è già integrato nell’auto Tesla e tutto ciò che è richiesto all’utente è applicare corrente. Nella versione base, Tesla è dotata di un caricabatterie da 11 kW, mentre è possibile montarne uno aggiuntivo della stessa potenza.

Inoltre, nel kit del veicolo è incluso un connettore mobile, una sorta di cavo elettrico "intelligente". Gli adattatori sono forniti anche da una presa europea standard e per una presa che utilizza tre fasi. I veicoli adattati per l’uso in Europa sono dotati di un connettore Mennekes Tipo 2, che è lo standard europeo per i veicoli elettrici. Il suo vantaggio principale risiede nella sua versatilità: lo slot funziona con una rete CC o CA trifase o monofase. La ricarica inizia solo dopo che il connettore è stato completamente chiuso e la macchina è stata sincronizzata con il cavo intelligente per quanto riguarda la potenza della rete, nonché il tipo di corrente elettrica. Dove ricaricare un’auto Tesla se sei fuori città? Questo può essere fatto, ad esempio,

Come viene caricata un'auto Tesla?

Durante la ricarica, il primo passaggio consiste nel collegare il connettore portatile a una presa di corrente e attendere che si accenda la luce verde. L’estremità opposta del cavo è collegata all’auto tramite un connettore di tipo 2. Se l’auto è in carica, tre LED nei fari lampeggiano in verde. Il tempo di ricarica dell’auto Tesla dipende dalla tensione di rete. L’indicatore sul cruscotto mostra i parametri della corrente fornita: la sua forza e tensione. Durante la ricarica, la macchina aumenta la corrente controllando la tensione. La caduta di tensione provoca la limitazione della corrente, che protegge il circuito elettrico dal sovraccarico. Velocità di ricarica dell’auto Tesla: fino a un "serbatoio pieno" quando si utilizzano tre fasi, il processo non richiede più di 9 ore. Quando l’auto è chiusa, il connettore si bloccherà nella presa e il veicolo spegnerà tutte le luci. 

Si noti che senza messa a terra della presa, la macchina non si caricherà. Questo parametro controlla il connettore mobile "intelligente" e non sarà possibile ingannarlo, indipendentemente da come il proprietario escogita. Durante i lavori di ristrutturazione, gli elettricisti spesso scherzano, "azzerando" o non creando la messa a terra, quindi la presenza di una presa euro non è affatto una garanzia della presenza della messa a terra e della capacità di ricarica. La potenza massima di una tale presa ecologica non supera i 3 kW e la ricarica completa richiederà quattro volte più tempo rispetto all’utilizzo di tre fasi. Il processo richiede più di un giorno.

Come velocizzare il processo di ricarica?

Come già notato, con l’aiuto di un caricabatterie, un’auto può essere caricata con una potenza fino a 11 kW. È possibile raddoppiarlo preordinando apparecchiature aggiuntive durante la produzione sul nastro trasportatore o montando una memoria di backup dopo l’acquisto. Avrai anche bisogno di un connettore a parete ad alta potenza. Questo è un analogo fisso e fisso del connettore mobile, che ha uno spessore maggiore ed è in grado di trasmettere più potenza.

Come viene caricata un'auto Tesla?

Il cavo "nativo", prodotto da Tesla, è dotato di un pulsante, se premuto, l’auto apre automaticamente il portello nascondendo la presa di ricarica. Questo non è possibile con cavi di altri produttori. Tuttavia, puoi aprire il portello dall’abitacolo o utilizzare un’applicazione mobile che controlla l’auto.

Utilizzando la potenza di 22 kW fornita dai due caricatori installati sulla macchina, può essere ricaricata completamente di energia in 4 ore. Tuttavia, una tale decisione ha senso se puoi ottenere 22 kW nel parcheggio. È più razionale acquistare un connettore mobile aggiuntivo per utilizzarlo in garage come fisso e portare sempre con sé il secondo.

Vale la pena notare che, se utilizzata all’interno della città, un’auto Tesla non ha realmente bisogno di stazioni elettriche pubbliche. Una riserva di carica di 400 km è sufficiente per muoversi in città, e al termine della giornata lavorativa rientrare in garage per ricaricarsi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More